Eleonora Evi (5S): Il Peti discuta subito questa fondamentale petizione

 
Peti

 

Il Comitato Cordinamento San Siro di Milano ha presentato una petizione alla commissione competente del Parlamento europeo   (Peti) chiedendo di ristrutturare il Meazza invece di costruire un nuovo stadio.
Il Comitato ha evidenziato che “architetti ed altri professionisti qualificati hanno presentato un documento tecnico dettagliato sull’ipotesi di ristrutturazione dello stadio esistente, mostrando aspetti di profittabilità sia per gli investitori sia per l’amministrazione”. “Non vogliamo – ha spiegato il Comitato – la costruzione di un edificio mastodontico con masse di spettatori vicini alle case, come previsto dal nuovo progetto: questo comporterebbe un aumento del traffico in una zona già critica, inquinamento di prossimità e impatto sulla salute delle persone esposte”.

Lo ha reso noto l’europarlamentare del M5S, Eleonora Evi, spiegando di condividere le motivazioni alla base di questa richiesta “perché dar seguito alla costruzione di un nuovo stadio significherebbe sostenere un enorme processo di cementificazione in favore di una spropositata speculazione immobiliare, a danno di un bene pubblico”.

Per questo motivo ho richiesto alla Commissione competente (Peti) che per questa petizione venga adottata la procedura d’urgenza affinché il Parlamento europeo possa discutere al più presto questa petizione ed ascoltare le istanze dei cittadini, intervenendo per denunciare l’ennesima colata di cemento che soffoca i milanesi e va in senso opposto rispetto alla nuova agenda politica europea, che finalmente inizia ad affrontare il tema del consumo di suolo” ha proseguito Evi, sottolineando che “la costruzione di un nuovo stadio non è giustificata da nessuna ragione oggettiva, in quanto la ristrutturazione dell’attuale stadio, oltre a preservare un patrimonio di grande rilevanza storica, architettonica e paesaggistica, comporterebbe la metà dei costi rispetto a quelli proposti per la nuova costruzione

 

Il Commento della Redazione

Non sappiamo quanto una Commissione UE possa incidere su una scelta fatta da un Comune in piena autonomia, ma sicuramente amplifica il nostro conciso messaggio: Si tratta solo di SPECULAZIONE EDILIZIA !, lo stadio è solo il "Cavallo di Troia" per ottenere l'approvazione del progetto.
Sosteniamo e pubblicizziamo l'iniziativa di Gabriella Bruschi, presidentessa del Comitato Coordinamento San Siro.

 

Milano 02 Dicembre 2020 

Vota Il tuo GRADIMENTO da 1 a 5
5.00 of 5 - 4 votes
Thank you for rating this article.
Comitato Coordinamento San Siro a Parlamento UE: no a nuovo stadio, ristrutturare - 5.0 out of 5 based on 4 votes