• SALVIAMO SAN SIRO

    Per dire "No" all’ abbattimento e alla cementificazione del quartiere, ma "SI" alla sua eventuale ristrutturazione che comprenda la riqualificazione dell' area con spazi dedicati ai giovani, allo sport, al verde comune e che allo stesso tempo ne venga mantenuta l' identità
  • 1

LE CRITICITA'

Leggi TUTTO sulle CRITICITA' del progetto

NEWS / COMMENTI

Leggi le NEWS e i COMMENTI

I CITTADINI

Informati sulle iniziative dei CITTADINI

LA POLITICA

Le Ultime dalla POLITICA

DOCUMENTI

Qui puoi scaricare i nostri DOCUMENTI

SONDAGGI

Vota il Nostro SONDAGGIO

                                                               

 

rifare i conti

 

Per Inter e Milan: più tagli all’affitto nell’era  Covid, Palazzo Marino rifà i conti ma aumenta la rata; per il 2020-21 richiesti a Inter e Milan 1,7 milioni in più.

 

Tra il Comune, e Milan e Inter  non c’è pace. L’oggetto della contesa è sempre quello: lo stadio. L’ultimo braccio di ferro riguarda il pagamento del canone dell’impianto per gli anni 2019-2020 e 2020-2021, anni di pandemia.

Le squadre hanno chiesto uno sconto a causa della chiusura al pubblico. In un primo momento Palazzo Marino ha accordato una riduzione ritenuta però troppo bassa da Milan e Inter che hanno chiesto un riconteggio.

Dieci giorni fa la doccia fredda. Se per il 2019-2020 lo sconto viene confermato per il 2020-2021 si torna a una cifra che è molto vicina a quella di un anno normale: 9,2 milioni. I club non ci stanno e chiedono un incontro urgente con il Comune.
Un fronte dietro l’altro. Le polemiche infinite sul nuovo stadio, la richiesta ai club di quasi 11 milioni di arretrati
per San Siro e adesso il mancato sconto sull’affitto del Meazza durante la pandemia. 

L’ultimo braccio di ferro riguarda il pagamento del canone di concessione dello stadio per gli anni 2019-

2020 e 2020-2021.
Da contratto, la cifra che le squadre avrebbero dovuto versare a Palazzo Marino era di 9 milioni e 400mila euro sia per il 2019-2020 sia per il 2020-2021 (con la possibilità di dare cash una parte e il resto, fino al 53%, in lavori di manutenzione dell’impianto). Solo che i due anni in questione sono stati gli anni dove il Covid ha impazzato con chiusura degli stadi per un lungo periodo di tempo.

A
questo punto i due club hanno deciso di fare ricorso a un articolo della convenzione che prevede una riduzione proporzionale del canone di concessione in caso lo stadio non sia pienamente fruibile qualora dipenda da cause di forza maggiore e non dal concessionario.

A ottobre dell’anno scorso il Comune, dopo aver preso visione dei bilanci delle squadre, accorda una riduzione del canone: 7 milioni e 200 mila euro per la stagione 2019-2020 e 7 milioni e 500mila per il 2020-2021.

Lo sconto è rispettivamente di 2 milioni e 200 mila euro e di 1 milione e 900 mila per gli anni successivi.
Troppo poco e non proporzionato al danno subito con la chiusura dell’impianto al pubblico secondo le squadre che contestano le cifre del Comune e chiedono il riesame della pratica.

Cosa che pur con qualche mese di ritardo è effettivamente successa e pochi giorni fa è arrivata la doccia fredda.
Palazzo Marino ha ripreso in mano i bilanci, ha controllato la voce ricavi e ha rifatto i conti. Da una parte conferma, anzi aggiunge uno sconto di 100mila euro al canone del 2019-2020 che così si riduce a 7 milioni e 100mila euro, ma
dall’altra alza l’asticella del 2020-2021 di 1 milione e 700 mila euro, portando il canone a 9 milioni e 200mila euro, poco al di sotto dell’affitto da pagare in un anno, diciamo così normale.

L
a ratio di questa decisione starebbe proprio nei ricavi del 2020-2021 presentati dai club, ma qualcuno fa malignamente notare che il riconteggio è avvenuto dopo che la Corte dei Conti ha bacchettato il Comune sui lavori pregressi allo stadio. Quelli per cui Palazzo Marino ha chiesto (la delibera è arrivata venerdì in giunta) 10 milioni di arretrati
alle due squadre.

Adesso questa nuova decisione ha chiaramente lasciato le squadre, che già non erano contente prima, con l’amaro in bocca. Ma prima di aprire una nuova schermaglia hanno preferito chiedere un incontro con Palazzo Marino per capire i criteri con cui sono stati fatti i calcoli. In agenda c’è però anche un altro incontro, quello dei club con il coordinatore del dibattito pubblico Andrea Pillon, previsto entro la fine della settimana.

 

 

 

Milano 20 Giugno 2022

 

 

La Redazione

 

Vota Il tuo GRADIMENTO da 1 a 5
4.00 of 5 - 2 votes
Thank you for rating this article.
San Siro, nuova lite Club-Comune - 4.0 out of 5 based on 2 votes

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cosa sono
I cookie sono piccoli file di testo memorizzati nel computer o nel dispositivo mobile dell´utente quando visita il nostro sito web.

A cosa servono
I cookie sono da noi utilizzati per assicurare all´utente la migliore esperienza nel nostro sito.
Questo sito utilizza solo Cookie di sessione. Cookie automaticamente cancellati quando l´utente chiude il browser.

Tutti i Cookies NON vengono archiviati e sono gestiti con policy che rispetta la Privacy.